Penelope Garcia, Jennifer Jareau
Kirsten Vangsness, AJ Cook e Matthew Gray Gubler in una scena di Criminal Minds

Questo mercoledì alle 10/9c, la squadra del Criminal Minds della CBS troverà il proprio stile di risoluzione dei crimini soffocante, perché Linda Barnes, l’altezzoso grande capo dell’FBI, li accompagnerà nel caso. (Ugh.)

Dopotutto, l’ambizioso vicedirettore esecutivo dell’FBI (interpretato da Kim Rhodes) ha già fatto irritare gli agenti, mettendo in panchina Prentiss e trasferendo la carica a JJ; tutto ciò mentre ha fatto notare che le strategie della BAU, in effetti di successo, a volte sono… sospette.

Qui, Kirsten Vangsness, membro originale del cast (ed occasionalmente sceneggiatrice di episodi), parla in anteprima dell’intromissione della Barnes, che sarà seguita da un’operazione clandestina della BAU, che, a sua volta, darà il via ad uno degli episodi preferiti in assoluto dall’attrice.

TVLINE | Criminal Minds ritorna questa settimana e abbiamo Barnes che accompagna la squadra. Su una scala da uno a dieci, quanto è scomodo tutto ciò per la banda?
Oh, tipo quattordici. È strano. È davvero strano. Lei è un po’ la Dolores Umbridge della BAU. Kim Rhodes è così deliziosa però, quindi è davvero strano. È come quando sto parlando con Adam Rodriguez come Kirsten e sono completamente normale, ma poi dobbiamo fare una scena e mi prendo gioco di lui e gli lancio questi brutti sguardi come Garcia. Facciamo scene con [Kim] e appena sentiamo: “Taglia!”, tutti iniziano a dire: “Mi dispiace, mi dispiace davvero,” perché Barnes sta riducendo in cenere sistematicamente la nostra casa e, contemporaneamente, noi stiamo cercando di arginare tutto.

TVLINE | Garcia risulta in qualche modo immune all’intrusione di Barnes, visto che di solito lei rimane indietro?
Nessuno è al sicuro. Fidatevi di me. Quando stavamo girando l’episodio che ho scritto io [che è andato in onda due settimane prima che Rhodes facesse il suo debutto nella serie madre], Erica Messer, la nostra showrunner, mi ha detto una cosa su due piedi e io ho reagito dicendo: “Cosa?” E lei mi ha risposto: “Oh, sì, per culminare alla fine della stagione, faremo questo arco….” Non voleva dirmelo, perché voleva annunciarlo a tutti nello stesso momento. Quindi eravamo seduti al tavolo per la lettura per questo episodio e le mascelle di tutti hanno toccato il pavimento. Ci guardavamo tutti, dicendo: “Che cosa sta succedendo?” Continuavi a pensare: “Non sta accadendo davvero, no, no, no,” ma sta accadendo davvero. Ha dovuto farci sedere tutti e spiegarci tutto passo passo e, anche spiegandocelo, quello che succede è terrificante.

Quindi c’è la complicazione di Barnes, quell’enorme ostacolo dell’avere qualcuno che è responsabile del tuo lavoro, che scruta con occhio da falco tutto quello che fai, quando il tuo lavoro è interamente basato sull’intuizione. È una situazione assolutamente impossibile. E l’episodio che segue questo ci costruisce sopra e il treno ad alta velocità continua ad andare! Quell’episodio successivo (che andrà in onda il 14 marzo) è di certo nella mia classifica dei cinque episodi preferiti di sempre in Criminal Minds.

TVLINE | È quello in cui la squadra lavora ad un caso in segreto, lontano da Barnes? Ignorando il protocollo?
Sì. E in quell’episodio ci sono tantissimi Easter egg e gioie per le persone che guardano lo show regolarmente e, Dio, sarà così per tutta la fine della stagione. Succederanno così tante cose fantastiche. E poi c’è Adam Rodriguez che dirigerà un episodio, poi Matthew Gray Gubler ne dirigerà un altro, e poi ancora Joe Mantegna un altro, tutti uno dopo l’altro e dopo l’altro, il che è stato surreale.

È il posto più da sogno in cui lavorare comunque. Le persone lo dicono, ma non so se tutti lo capiscono. Tutti noi otto ci stavamo mandando messaggi a vicenda l’altra notte, smaniando per quanto fossimo eccitati che lo show stesse per tornare in onda. E ho passato l’intera domenica con Paget [Brewster] e Aisha [Tyler] e A.J.[Cook] nella mia vasca idromassaggio, semplicemente a parlare, perché lo facciamo una volta al mese…

TVLINE | Aspetta, come è possibile che questo non sia finito su Instagram?
Ed è una cosa buona! Lo facciamo perché [Criminal Minds] è davvero un posto incantevole dove lavorare. Sono semplicemente così grata di potermi guadagnare da vivere così e di poterlo fare con queste persone che sono tutte così gentili e creative. C’è l’imbarazzo della scelta.

Ma questi prossimi episodi, penso, saranno davvero inquietanti per le persone. E sono stati molto difficili da realizzare.

TVLINE | Diavolo, è stato difficile anche solo guardare Barnes affrontare Prentiss in quell’episodio recente.
Oh, non è nulla, amico mio. Quello è niente. È meraviglioso quello che gli sceneggiatori hanno fatto, perché è complicato, tipo Jenga, una cosa alla castello di carte/cubo di Rubik. Lo hanno fatto a pezzi e penso che questo sia un tratto caratteristico di uno sceneggiatore davvero bravo — l’abilità di non attaccarsi ad un pezzo solo, di togliere tutto e poi cercare di capire come ripartire da lì.

TVLINE | Beh, questo è in un certo senso geniale. Nella scorsa stagione abbiamo visto la squadra ottenere queste vittorie, far uscire finalmente di prigione Reid e tutto il resto, ma poi, un anno dopo, Barnes presenta tutte queste cose da questo punto di vista assolutamente diverso e inizi a pensare: “Oh, Dio. Hanno davvero infranto le regole, in un certo senso, a destra e a manca.”
Io ed Erica abbiamo scritto quell’episodio [in cui Prentiss cancella la confessione incriminante di Reid] ed eravamo molto coscienti del pensiero: “Ok, ecco cosa potremmo fare…. Potremmo fare in modo che lei non prenda la decisione migliore. Avrebbe dovuto dire la verità in questo caso.” Lo abbiamo affrontato pensando: “Sai cosa? Teniamo questa cosa perché potrebbe essere davvero appagante quando ci sarà occasione di utilizzarlo.” Questa è la cosa fantastica di ogni buon antagonista, ovvero che hanno dei motivi plausibili, in un certo senso.

TVLINE | Se la squadra sta lavorando di nascosto nell’episodio del 14 marzo, significa che non potete usare il jet e altre tipiche risorse?
Non posso nemmeno... Come ho detto, è nella mia classifica dei cinque episodi preferiti, non ne hai idea. È straordinario. Quell’episodio è scritto da Breen Frazier, e lui è davvero abile con il realismo magico mescolato con i fatti e con una trama bella e davvero buona. Quindi ha tolto delle cose e ne ha inserito altre a cui nessuno è abituato. È davvero bello, e spaventoso e strano, ma anche divertente in modi che non ti aspetti.

TVLINE | Prima di andare, che cosa puoi dirci dell’episodio che andrà in onda più avanti nel corso di questa stagione, in cui la storia familiare di Garcia viene rivisitata?
Quello è davvero curato; siamo nel bel mezzo delle riprese proprio adesso. Dal momento che la serie va avanti da così tanto, gli sceneggiatori hanno inserito in un episodio una cosa come: “Perché si chiama Garcia?” E in un altro episodio nella seguente stagione, lei fa riferimento a quattro fratellastri. Beh, quello che hanno fatto è stato prendere tutti questi piccoli momenti e metterli insieme e adesso potete vedere tutto il suo tragico passato, e potete incontrare alcuni dei suoi familiari. La vedrete tornare a casa e dover negoziare alcuni affari, quindi è un episodio più tranquillo, ma abbiamo comunque un caso per stuzzicare l’appetito degli appassionati di omicidi.

Fonte: TV Line

Kirsten Vangsness anticipa lo scontro della BAU contro Dolores Umbridge, più uno dei suoi episodi preferiti in assoluto