↑ Torna a Personaggi

Emily Prentiss

 Agente Speciale Emily Prentiss

Emily Prentiss

Entra a far parte della squadra nella terza stagione, in sostituzione dell’agente Greenaway. Emily si presenta alla BAU con dei documenti che attestano il suo ingresso nella squadra. Questo sorprende sia Hotch che Gideon, nessuno dei due aveva infatti firmato per il trasferimento. Figlia di un’ambasciatrice, conosce Hotchner prima di entrare a far parte della BAU, quando l’agente faceva da scorta a sua madre. Laureata a Yale, sa parlare abbastanza bene il russo e l’arabo, a causa delle lunghe permanenze con la madre in terre straniere. Conosce anche un po’ d’italiano, di russo e di spagnolo.

Entra ufficialmente a far parte della squadra nell’episodio 2×10 – L’ora della preghiera, dove viene mandata da Hotch a seguire un’indagine al carcere di massima sicurezza di Guantanamo insieme a Gideon e Reid, per dimostrare la sua competenza.

Il caposezione Erin Strauss le chiede alla fine della seconda stagione di screditare Hotch, ma Emily preferisce dimettersi piuttosto che gettare fango. Sarà proprio Aaron a chiederle di rientrare a far parte del team, seguendolo a Milwaukee per aiutare la squadra in difficoltà dopo l’abbandono di Gideon, nell’episodio 3×02 – Nel Nome del Sangue.

Nell’episodio 4×03 – Fede Cieca viene presa in ostaggio insieme a Reid da Benjamin Cyrus, interpretato da Luke Perry. Quando Cyrus scoprirà che nel ranch è presente un agente dell’FBI, penserà immediatamente a Reid, ma Prentiss si dichiara coraggiosamente e subisce un pestaggio. Reid si sente colpevole di tutto ciò, ma Emily chiarisce ogni eventuale dubbio, dicendo che è soltanto colpa di Cyrus.

Nell’episodio 4×17 – Demonology, Emily scopre che un suo caro amico, Matthew, è morto in circostanze non chiarissime, e a quanto sembra a causa di un esorcismo. La donna chiede a Hotch il via libera per poter indagare, visto che potrebbero esserci altre due vittime. Aaron farà tutto ciò che è in suo potere per assumere il caso, anche se non è di competenza della BAU. Quando Hotch le dice che non possono indagare oltre e le suggerisce di prendersi un po’ di tempo, Rossi decide di aiutarla. Emily gli confida che quando era adolescente, si trovava a Roma a causa del lavoro della madre, e tutto ciò di cui aveva bisogno era soltanto un po’ d’attenzione e stabilità

Dave capisce che la donna era rimasta incinta, e Emily rivela che Matthew l’aiutò nell’abortire, ma che la famiglia di lui non la vide mai di buon occhio, in quanto si trattava di persone estremamente religiose. Da quel momento in poi, Emily si sentì responsabile del cambiamento avvenuto in Matthew, che iniziò a dubitare della sua fede e abusò di sostanze stupefacenti.

Prentiss riesce grazie all’aiuto del team ad arrestare il colpevole della morte di Matthew, e a chiudere con il suo passato.

All’inizio della quinta serie è proprio Emily ad accorgersi della misteriosa assenza di Hotch in squadra. Nell’episodio 5×01 – Nameless, Faceless sarà lei ad andare a casa del suo capo per controllare la situazione e troverà il sangue lasciato da Foyet. Lo farà poi cercare da Garcia negli ospedali, fino a trovarlo, facendo così in modo che il resto della squadra possa concentrarsi sul caso.

Nell’episodio 5×08 – Outfoxed Prentiss accompagna Hotch al carcere dove è detenuto “la volpe”, S.I. arrestato dalla squadra quando lei non era ancora arrivata. Il detenuto mostra però di conoscerla molto bene e la donna per cercare di ottenere le informazioni che desidera dovrà flirtare molto apertamente con lui. Questo provocerà in Emily, che si era sempre dimostrata particolarmente distaccata dai casi che seguiva, una forte crisi.

Nell’episodio 5×10 – The Slave of Duty si sente particolarmente coinvolta identificandosi con le vittime, tanto da avere una reazione violenta durante la cattura dell’S.I. che stende al tappeto e minaccia, puntandogli contro una pistola.

La sua vita sarà messa in pericolo nell’episodio 5×11 – Retaliation , quando rimane coinvolta in un incidente stradale durante il trasporto di un detenuto che così verrà fatto sfuggire. Riporta diverse contusioni e anche in stato di shock riesce a sparare contro la vettura e a dare indicazioni fondamentali ai colleghi tramite un intervista cognitiva.

Nell’episodio 5×16 – Mosley Lane appoggia e sostiene la linea investigativa portata avanti da JJ anche nel momento in cui la squadra non è disposta a crederle.

Nell’episodio 5×18 – The Fight la vediamo collaborare con il collega Mike Rawson, agente di un’altra squadra di profiler, il quale le salverà la vita uccidendo l’S.I. prima che possa farle del male. Il rapporto tra i due è ricco di frecciatine che fanno presupporre un reciproco interessamento, ripreso anche nell’episodio 5×21 – Exit Wounds durante una conversazione con JJ.

Nell’episodio 6×13 – The Thirteenth Step viene a sapere da un ex collega dell’Interpol che Ian Doyle, un pericoloso criminale, è scappato dal luogo in cui era detenuto e che per questo è in pericolo. Inizia così per la donna un periodo di tensione che si sviluppa anche in situazioni ambigue e minacciose (episodio 6×14 – Sense Memory) come telefonate silenziose e pacchi dono di fronte alla porta di casa. Proprio in una confezione anonima ritrova un fiore che richiama alla sua mente un arresto avvenuto in una villa dove si trovava con Doyle.

Negli episodi successivi le cose iniziano a precipitare e la donna, senza mettere al corrente la squadra, inizia a ricercare i contatti con gli ex colleghi dell’Interpol. Trova due agenti, Tsia e Clyde, la prima inizialmente scettica sul ritorno di Ian, affronterà la realtà molto da vicino finendo anche uccisa. Nell’episodio 6×17 – Valhalla, Doyle è finalmente pronto ad affrontare a viso aperto la donna a Washington e inizia a seminare vittime in giro, vendicandosi di tutti quelli che avevano contribuito al suo arresto e detenzione, attirando così anche l’attenzione della BAU. Emily, comprendendo come le vendette dell’uomo si rivolgono verso le famiglie, piuttosto che mettere nei guai il suo team, preferisce scappare e affrontare da sola la situazione.

Nell’episodio 6×18 – Lauren, la squadra si rende conto dell’assenza della collega e, grazie anche all’aiuto di JJ, indaga su di lei, venendo a scoprire del caso in cui, sotto copertura con il nome di Lauren Reynolds, si era trovata a stretto contatto con Ian Doyle. Prentiss intanto raggiunge l’uomo che la fa prigioniera e la tortura perchè vuole che lei confessi qualcosa. Man mano che le indagini vanno avanti, la situazione si chiarisce sempre più: Ian in prigione era stato minacciato e spinto a parlare tramite delle foto che ritraevano il figlio ucciso e l’unica a sapere dell’esistenza di Declan era proprio Emily/Lauren. Ma in realtà la donna aveva finto l’uccisione del bambino per toglierlo dalle mani dell’Interpol che di certo non si sarebbe fatta alcun tipo di scrupolo. Saputo che Declan è ancora vivo, Ian intraprende con Emily una colluttazione per farsi dire la sua ubicazione, ma proprio durante la lotta, Doyle trafigge l’addome dell’agente con un palo di legno, lasciandola esanime a terra quando la squadra li ha ormai ritrovati. Nonostante le premure da parte di Morgan, Doyle riesce a scappare e Emily viene data per morta all’ospedale. Al termine dell’episodio, dopo il funerale, si vede JJ che incontra una misteriosa figura di spalle a Parigi, alla quale consegna nuovi documenti e conti bancari, augurandole buona fortuna. Solo la liaison e il capo unità, presumibilmente, sanno la verità sulla ‘finta morte’ di Emily Prentiss.

Nell’episodio 7×01 – Contro Ogni Nemico, la squadra deve affrontare la Commissione del Senato per le loro azioni di ritorsione dopo la perdita di Prentiss. Si scopre così che Morgan e Garcia hanno continuato a  seguire le tracce di Doyle con l’intento di arrestarlo e processarlo per quanto accaduto. Proprio quando riescono a trovarlo, il figlio Declan viene rapito.
Emily nel frattempo, viene avvisata di quanto sta accadendo, e decide di fare ritorno negli Stati Uniti. Quando il resto del team se la ritrova davanti, le reazioni sono un misto di sgomento e felicità.
Dopo aver chiuso definitivamente il caso Doyle, Prentiss decide di rientrare nell’unità e continua a svolgere il suo lavoro di profiler. Dovrà riconquistarsi la fiducia di Morgan e Reid, che si sentono traditi da Hotch e JJ per essere stati tenuto all’oscuro.
Nel finale della settima stagione, Prentiss confida a Morgan che non riesce più a essere serena e che ha sentito il desiderio di andarsene da quando è tornata nel team.
L’ultima scena la vede protagonista di un ballo con tutti i suoi colleghi, felice al matrimonio di JJ.