Il cast di Criminal Minds in una scena del finale di serie

[Attenzione: Il seguente articolo contiene IMPORTANTI spoiler sul finale di serie di Criminal Minds, “And in the End.”]

Dopo quindici anni, Criminal Minds ha detto addio. Ma solo perché la BAU ha fermato l’ultimo Grande Cattivo, non significa che il loro lavoro sia finito.

Nel finale in due parti, la squadra ha dato la caccia al Camaleonte (Michael Mosley), e, nel farlo, Reid (Matthew Gray Gubler) ha subito una ferita alla testa, che ci ha permesso di entrare nella sua mente, dove ha parlato con Strauss (Jayne Atkinson), Foyet (C. Thomas Howell), e Maeve (Beth Riesgraf).

“In realtà avevamo una lunga lista delle nostre trame o cattivi preferiti, ma non ci sarebbero stati abbastanza episodi per avere tutto ciò che volevamo. Dovevamo andare al sodo e scegliere il più saggiamente possibile,” ha detto a TV Insider lo showrunner Erica Messer. “Ma avere il Mietitore come presenza nell’ultima ora della serie, vedergli dare il via a quell’ultimo episodio, aveva davvero senso per noi, perché è il cattivo per antonomasia per la nostra squadra.”

Sebbene Everett Lynch abbia rapito Krystall (Gail O’Grady), Rossi (Joe Mantegna) e la squadra sono stati capaci di salvare lei e fermare lui — facendo saltare in aria il loro jet mentre l’uomo cercava di scappare. E alla fine erano tutti pronti a tornare a lavoro, eccezion fatta per Garcia (Kirsten Vangsness), che ha scelto un nuovo lavoro presso una no-profit lì vicino.

Qui, Messer spiega il finale e svela cosa potrebbe accadere alla squadra.

Quel finale, con la festa nel giardino di Rossi e poi la squadra che parte per lavorare ad un caso, è stato appropriato. Quando avete saputo come volevate farlo finire?
Erica Messer: Uno dei modi che preferisco per finire una stagione è nel giardino di Rossi. L’ho fatto molte volte, e quindi la domanda era: come potevo farlo di nuovo? Abbiamo avuto matrimoni. Abbiamo avuto funerali. Mi sembrava che una festa di pensionamento per Rossi — o che si facesse credere così — fosse di certo la strada da seguire. Ovviamente non era l’addio di Rossi, ma quello di Garcia, e poi la stessa festa ha un po’ più lo stile di Garcia, fino alla musica su cui ballano, “Heroes” di David Bowie. Se ci avete fatto caso, Kirsten ha dei brillantini sul viso, un piccolo riferimento a Ziggy Stardust.

Ma sapevo da sempre che volevo finire con lacrime di gioia, se ha senso. Volevo finire questa serie nel modo in cui tutti ci sentivamo riguardo alla fine dello show, ovvero grati di esserci stati per tutto questo tempo, grati che fosse esistito, che avessimo potuto lavorare con i nostri amici, che sono diventati la nostra famiglia negli anni. E più o meno tutto quello che stava accadendo ai personaggi, stava accadendo anche dietro le quinte. C’era solo molto rispetto e amore e in qualsiasi modo potessimo mostrare tutto ciò come immagine di saluto per la serie, sembrava il giusto modo di procedere.

Dal momento che avevamo fatto saltare in aria il jet, volevamo far sapere che ce n’è un altro, ma gli spettatori non sapranno mai che aspetto ha. Non sapranno mai di cosa tratta il prossimo caso. Ma si sentiranno bene nel sapere che la BAU è ancora intatta — Garcia non sarà lì tutti i giorni, ma sarà comunque nelle loro vite — e i buoni devono continuare a dare la caccia ai cattivi, e quella parte non si fermerà. Sembrerà un po’ diverso, ma il lavoro continuerà.

E poi Garcia che lascia una vuota stanza ad alta tecnologia ci sembrava l’immagine corretta per mostrare, a modo nostro, che non fermeremo mai la BAU. Ma fermare il cuore dello show e mostrare che tutto apparirà radicalmente diverso per chiunque arriverà dopo, ci sembrava il più grande impatto che potessimo ottenere visivamente. Ci sono state molte lacrime quando abbiamo girato quella scena.

Che cosa diceva il suo bigliettino?
Non lo diremo mai. Vogliamo che sia qualsiasi cosa voi vogliate immaginare. Io avevo un’idea differente su cosa sarebbe stato rispetto a quella che aveva Kirsten o altre persone. E penso che il punto sia proprio questo. Questa serie e questi personaggi significano cose diverse per persone diverse. Kirsten ed io siamo d’accordo sul fatto che stava lasciando quel bigliettino perché un giorno lo trovasse la prossima persona.

Dopo aver passato anni a guardare la mente di Reid al lavoro, è stato fantastico fare questo viaggio con lui dentro la sua mente ed assistere ai ritorni di Strauss, Foyet e Maeve e a quei flashback con Morgan, Elle, Hotch, e Gideon. Come avete fatto a decidere chi avrebbe ripreso quale ruolo, oltre a questioni di disponibilità?
Sapevamo che non saremmo stati in grado di avere tutti. C’era una parte di me che credeva che fosse difficile scegliere dei preferiti. Ma abbiamo potuto fare questo flashback, all’inizio dell’ultima puntata, in cui Reid entra nell’open space come ha fatto un centinaio di volte, solo che questa volta… perché sta sentendo queste voci che non sentiva da molto tempo? E perché sta vedendo Hotch e Gideon? Nel rincorrere Hotch e Gideon, vede Garcia alla fine del corridoio, ma poi non è Garcia, è Strauss. E poi non puoi avere il buono senza il cattivo, quindi ecco che arriva Foyet. Tutto doveva dare l’impressione che tutte queste cose avessero reso Reid quello che è e ora stiamo prendendo queste cose e lo stiamo portando a fare un viaggio che non abbiamo mai visto prima.

Per Reid, anche se è aperto all’idea di trovare l’amore, Maeve era l’unica. Dal momento che gli è stata portata via, sembrava che in qualsiasi modo si volesse guardare a questa situazione, se si trovava in una via di mezzo o il suo corpo non stava lottando abbastanza o se semplicemente volesse lasciarsi andare, sarebbe stato giusto che si trovasse con Maeve? Sceglierebbe di essere proprio con lei? Che fosse lei a portarlo in questo viaggio di esplorazione, con domande come “dove mi sento felice, che cosa mi riesce bene, ho finito qui o ho ancora qualcosa da dare,” un cuore infranto, tutto ciò, era la scelta più naturale.

Se Shemar Moore fosse stato disponibile, quale sarebbe stato il piano? Morgan avrebbe preso parte alla caccia di Lynch o sarebbe stato alla festa … ?
Sarebbe stato davvero difficile averlo con noi, dal momento che ha la sua serie a cui lavorare. Quindi sarebbe stato davvero poco probabile che avesse potuto prendere parte a qualsivoglia resa dei conti. La mia speranza era che molte persone sarebbero state in grado di prendere parte alla festa. Sembrava un posto molto naturale perché tutti partecipassero e ballassero con Garcia. Ma non siamo stati in grado di realizzarlo.

Avete costruito il confronto tra Rossi e il Camaleonte per tutto lo scorso anno, sia per i due personaggi che per i fan. Quale è stato il vostro approccio nel dar forma alla telefonata, che mi ha ricordato quella di Haley con Foyet, e la scena del jet?
Sì, esattamente! Abbiamo cercato un po’ quell’inganno, che si pensasse: “O mio Dio, per favore non lasciate che il Camaleonte faccia quello che ha fatto il Mietitore. Per favore non fategli prendere la moglie dell’eroe.” Sarebbe stato davvero crudele, ma dal momento che l’avevamo già fatto prima e aveva avuto un impatto enorme, forse potevamo percorrere di nuovo quella strada. Ma sapevamo anche che non volevamo farlo. Ma l’inganno stesso è stato altrettanto d’impatto.

Non volevo che nessuno — i nostri personaggi principali o i loro cari — morisse, ma ci sembrava che avessimo comunque bisogno di una grande esplosione, degna di un finale. E così abbiamo iniziato a discuterne nella stanza e ad un certo punto abbiamo detto: “O mio Dio, l’abbiamo avuto davanti per tutto il tempo. Finalmente è arrivato il momento di far saltare in aria il jet.” Farlo saltare in aria o farlo schiantare erano cose di cui avevamo parlato, riguardo al jet, per molto tempo. Non ci era mai sembrato il momento giusto per farlo, ma questa volta ci sembrava che dovessimo proprio seguire quell’idea. Era buono, il nostro jet, e doveva essere sacrificato per far fuori il cattivo. Una volta che lo abbiamo realizzato, ci è sembrato giusto.

Abbiamo visto Garcia iniziare con il disprezzare Luke e poi la loro relazione si è sviluppata con gli anni, specialmente in questa stagione, in un modo tale per cui il fatto che lui le chieda di uscire e lei accetti non sembra arrivare dal nulla. Perché avete deciso di fargli fare questo passo in questo modo?
Non abbiamo mai fatto uscire insieme i membri della squadra in alcun modo, e con questo non voglio dire che questa è la strada che intraprenderanno di sicuto Alvez e Garcia, ma non abbiamo mai fatto nulla al di fuori del rapporto tra amici o migliori amici. Kirsten ed io amavamo quanto Garcia fosse determinata a non apprezzare Alvez solo perché lui era lì e Morgan no, e quel flirtare, arrabbiata, o qualsiasi cosa stesse facendo con lui, era un meccanismo di difesa. Poi quando quelle difese si sono abbassate, e si sono davvero dati la possibilità di conoscersi meglio, lei ha capito che lui le avrebbe sempre coperto le spalle ed che era genuinamente un amico per lei. A quel punto abbiamo pensato: perché non facciamo finalmente qualcosa che non siamo mai stati in grado di fare e facciamo invitare ad uscire un membro della squadra da un altro?

Dove vedete i membri della squadra tra un anno o cinque? Prentiss sarà direttore?
Una delle ragioni per cui volevamo disseminare tutte queste cose è perché è davvero poco usuale che qualcuno resti ad occupare una posizione nell’FBI o alla BAU per così tanto tempo, senza cercare di dirigere una sede in un’altra città o magari semplicemente provare a cambiare divisione. Ce lo hanno detto i nostri consulenti dell’FBI. Ovviamente ci sono state persone che sono arrivate e altre che se ne sono andate dalla squadra, ma non è la norma avere un solo gruppo di persone insieme per un periodo così lungo. Ma sono risorse così prezione che non vedevamo perché dovessimo rivoluzionare la squadra. O se avessimo rivoluzionato la squadra, doveva essere per offrire delle grandi opportunità a questi personaggi.

Quindi la probabile nomina di Prentiss come primo direttore donna dell’FBI, questo è qualcosa che mi piacerebbe vedere accadere nei prossimi cinque anni. Penso che sarebbe fantastico. Se la serie fosse continuata, forse è la direzione che avremmo preso per Prentiss. Per JJ — di certo è capace di dirigere il suo ufficio da qualche parte, ma gran parte delle sue scelte sono legate alla sua famiglia — avrebbe avuto senso farlo solo se fosse stato opportuno che la sua famiglia facesse quella mossa. Rossi continuerà a fare da consulente. [Lui] non mollerà mai, e saranno fortunati ad avere lui e il suo cervello che lavorano ancora sui casi. Reid chiaramente vuole essere una risorsa preziona nel catturare i cattivi, ma è conscio del fatto di essere una grande risorsa anche nell’insegnamento, quindi continuerà a giostrarsi tra le due cose.

È divertente immaginare queste cose, ed è per questo che volevamo lasciare il finale aperto e farvi sapere che Garcia sta voltando pagina ma non sarà lontana e il resto della squadra continuerà ancora a dare la caccia ai cattivi ogni settimana.

Fonte: TV Insider

Il boss di ‘Criminal Minds’ sul sacrificio finale, il bigliettino di Garcia, il viaggio di Reid e molto altro
Tag: